Amante confessore (l’)

104 Canzoni 28
1. E mi sto Carlevé son fame na morosa,
fasìa tut ël possìbil d’andela ritrové,
vestì da capussin i na vorìa andé.
2. Mi vado pian pianin, tich tòch, tacà la pòrta:
– O fate piano piano, o fate pian pianin,
ch’i l’hai la fija a letto, ch’a na veul morì. –
3. – E s’a na veul morì bisògna confessela
e s’a l’ha dij pecà bisògna përdonela. –
3bis – O voi che sevi padre e padre confessor,
o monté su la scala, o confëssela voi. –
3ter E quand che mi son stàit andrinta cola stansia,
i l’hai sarà le pòrte e ancora sti balcon,
ch’a-i sia gnun ch’a senta nòsta confession.
4.S’a l’é për ‘l prim pecà che chiel a l’ha ciamaje:
– O dime ‘n po’, biondina, quanti amanti avì (bis)?–
5 – E mi d’amanti cari n’heu avune vint e doi
e coj ch’a l’ha tradimi i sevi bele voi. –
– O bassa giù la mano e ciapa cost cordon
s’it veule che mi ‘t daga l’assolussion. –
6. E pen-a la confession a l’é stàita finìa
la fija sàuta dal let-. – Òhi mama, son guarìa. –
O benedet col frate con col cordon ch’a l’ha,
l’ha fàit guarì la fija bele da cogià.

Traduzione
E io questo Carnevale mi so­no fatto una morosa. Facevo il possibile per andarla a trovare, volevo andare vestito da cappuccino. Io vado pian piano, tic toc, busso alla porta: – Fate piano, mia figlia è a letto e sta per morire. – Se sta per morire bisogna confessarla, e se ha dei peccati bisogna perdonarla. – O voi che siete padre confessore, salite per la scala, confessatela voi. – Quando sono stato nella stanza ho chiuso la porta e anche i balconi, perché nessuno sentisse la confessione. Il primo peccato che le ho chiesto: – Dimmi un po’, biondina, quanti amanti avete avuto? – Di amanti cari ne ho avuti ventidue, e quello che mi ha tradita siete proprio voi. – O metti giù la mano e prendi questo cordone, se vuoi che ti dia l’assoluzione. – Non appena la confessione è finita, la ragazza salta giù dal letto: – Mamma, sono guarita! – O benedetto quel frate con quel cordone che ha: ha guarito la mia figliola anche da coricata. –

La canzone quasi boccaccesca dell’amante (o del frate) confessore è documentata in tutta l’Italia settentrionale. In Piemonte, oltre alle lezioni di Nigra (Nigra 97), Ferraro (Il frate confessore) e Sinigaglia (due melodie e un testo), altre sopravvivenze più recenti sono citate da Leydi (1998).

Lascia un commento