Amore risponde a tutto

Nigra 83 -II (Collina di Torino. Da una contadina)
– Mama, al giardinè ij vöi bin; a l’è cul che mi consula.
2 I l’ái dà-je tüt ël me cör; mama mia, mi lo vöi.
Mama mia, mi l’ái goi d’andè fè la giardinera.
4 Mama mia, mi l’ái goi d’andè ‘mprende a piantè i coi.
– Fia mia piè-lo pa, ch’a giöga a le boce.
6 – Chiel le boce e mi ël bocin; a l’è cul che mi ij vöi bin.
Mama mia, mi lo vöi; mama mia, mi lo vöi.
8 – Fia mia piè-lo pa, chiel a va a l’osteria.
– Chiel la pinta, mi ‘l quartin; a l’è cul che mi ij vöi bin.
10 Mama mia, mi lo vöi; mama mia, mi lo vöi.
– Fia mia piè-lo pa, chiel a giöga a le carte.
12 – Chiel le carte e mi i taroc; mama mia dè-m-lo ‘n poc.
Mama mia, mi lo vöi; mama mia, mi lo vöi.

Traduzione di Costantino Nigra

– Mamma, al giardinierie io gli voglio bene; egli è quello che mi consola:
2 Gli ho dato tutto il mio cuore; mamma mia, io lo voglio.
Mamma mia, io ho gusto d’andar a fare la giardiniera;
4 Mamma mia, io ho gusto d’andare a piantre i cavoli.
– Figlia mia, non prendetelo che giuoca alle bocce;
6 Egli le bocce, io il boccino; egli è quello a cui voglio bene.
Mamma mia, io lo voglio; mamma mia, io lo voglio.
8 – Figlia mia, non prendetelo, egli va all’osteria.
– Egli la pinta, io il quartuccio; egli è quello a cui voglio bene.
10 Mamma mia, io lo voglio; mamma mia, io lo voglio.
– Figlia mia, non prendetelo; egli giunca alle carte.
12 – Egli le carte, io i tarocchi; mamma mia datemelo un po’.
Mamma mia, io lo voglio; mamma mia, io lo voglio. –

Su questo, o su non dissimile tema, sono comparabili: una canzone marchigiana pubblicata da A. Gianandrea, una francese da J. Bujeaud, le provenzali e linguadochesi pubblicate da D. Arbaud, da Cenac-Moncaut, e da Montel e Lambert (1). F. de Pellegrini tradusse in versi italiani una canzone slava su questo stesso tema, col titolo: L’Amore ritrova tutto (2).

(1) Gianandrea, 266. Bujeaud, 99. Arbaud, II, 160. Cenac-Moncaut, 327. Montel e Lambert, 432.
(2) Pellegrini, 77. La stessa nella traduzione di E. Voiart, Chants populaires des Serviens (I, 173) di Karadschitch.

Costantino Nigra, Canti popolari del Piemonte, Torino, Roux Frassati e C., 1888

Lascia un commento