Cadrega fiorìa (la)

La cadrega fiorìa è un adattamento della originale versione che Amerigo Vigliermo ha raccolto (tra il 1973 ed il 1976) fra la gente canavesana e riproposto con il suo Coro Bajolese. Il brano è conservato nell’archivio del «Centro Etnologico Canavesano», fondato e diretto dallo stesso Vigliermo.

– O bondì, coj sapador. –
– O ben venga, Signorìa. –
– S’i m’aurèisse ‘n pò ‘nsigné,
l’é par nen ésser tradìa. –
– O ben si, ‘ndé stevi là
sota la reusa fiorìa. –
– O bondì, coj sapador. –
– O ben venga, Signorìa. –
– S’i m’aurèisse ‘n pò ‘nsigné
‘ndoa a-i é na bela fija. –
– O nò nò, sarem pa noi –
traditor ‘d na bela fija. –
– Mi ‘v darìa cento scu,
basta che voi me la ‘nsegnerìa. –
– O nò nò, par cento scu
tradirem giammai na fija. –
– Mi iv na darìa dosent,
basta che voi me la ‘nsegnerìa.
Mi iv na darìa sincsent,
basta che voi me la ‘nsegnerìa. –
– O ben si, ‘ndé pievla là
sota la reusa fiorìa,
la reusa sà di bon,
ma la bela l’é ‘ndurmìa. –
– O bela, tirte su,
t’ saré pa tuta ‘ndurmìa. –
– Maledet coj sapador
s’a l’é lor ch’a m’han tradìa. –
– Tradìa ti ‘t ses pa,
ma sarai la dòlce mia.
Sarai padrona dël castel
e Regina d’Ungherìa. –

Traduzione
– O buongiorno, zappatori. – O ben venga, Signoria. – Se voleste indicarmi dove io non sia in pericolo. – O sì, andate a sedervi là sotto la rosa fiorita. – O buongiorno, zappatori. – O ben venga, Signoria. – Se voleste indicarmi dove c’è una bella ragazza. – O no no, non saremo noi a tradire una bella ragazza. – Vi darei cento scudi, basta che voi me la indichiate. – O no no, per cento scudi non tradiremo mai una ragazza. – Ve ne darei duecento, basta che voi me la indichiate. Ve ne darei cinquecento, basta che voi me la indichiate. – Ebbene sì, andate, prendetela, è là sotto la rosa fiorita. La rosa ha buon profumo, ma la bella è addormentata. – O bella, tirati su, non sarai tutta addormentata. – Maledetti quegli zappatori, se sono loro che mi hanno tradita. – Non sei tradita, ma sarai la dolce mia. Sarai padrona del castello e Regina d’Ungheria. –

Versione trasmessa dai Cantori di Loranzé. Un tempo a Loranzé il brano veniva rappresentato scenicamente: la “bella”, protagonista della storia, era nascosta dai “sapador” sotto un lenzuolo bianco, successivamente era scoperta e acclamata “reginetta” della festa.
Il Nigra identificò nella ballata francese Marguerite o La belle dans la vigne (XVIII secolo) il prototipo piemontese di questa canzone; in Piemonte rintracciò altre dodici lezioni, tutte concordanti fra loro (Nigra 51). Sinigaglia raccolse due versioni col titolo Sonno fortunato (104 Canzoni 36).

Lascia un commento