Re di Lorena (il)

Nigra 58
Lo rè dla Ren-a a l’ha na përzon,
a l’ha sinquanta e doi përzoné,
con lor na fija da maridé.
Lo rè dla Ren-a a la manda a pié
da tre pagi e doi sivalié.
– Ausseve sù, la bela Lisé,
lo rè dla Ren-a av manda a pié. –
– Còsa voralo lo rè da mi?
Voralo fòrse feme morì? –
Quand a l’é stàita a la metà stra,
bela Lisé s’é butà a canté.
Ij pagi dël rè ‘s buto a pioré.
– Còsa piorevo, pagi dël rè?
Piorevo fòrse la mòrt di me? –
– O nò, o nò, la bela Lisé,
l’é ‘j ragi dël sol ch’an fan pioré. –
Quand a l’é stàita dinans dël rè,
s’é campasse a tèra an ginojon.
– Lo rè ‘d la Ren-a, mi ‘v ciam përdon.–
– Ausseve sù, la bela Lisé,
che sposa dël rè voi i saré. –

Traduzione

Il re di Lorena ha una prigione, ha cinquantadue prigionieri, con loro una ragazza da marito. Il re di Lorena la manda a prendere da tre paggi e due cavalieri. – Alzatevi, bella Lisé, il re di Lorena vi manda a prendere. – Cosa vorrà il re da me? Vorrà forse farmi morire? – Quando è stata a metà strada, la bella Lisé si è messa a cantare. I paggi del re si mettono a piangere. – Per cosa piangete, paggi del re? Piangete forse la mia morte? – O no, o no, bella Lisé, sono i raggi del sole che ci fanno piangere. – Quando è stata davanti al re, si è buttata a terra in ginocchio. – Re di Lorena, vi chiedo perdono. – Alzatevi, bella Lisé, che sposa del re voi sarete. –

In Francia la canzone non è attestata. Il re in questione potrebbe essere Stanislas Leszczynski, re di Polonia detronizzato e divenuto reggente della Lorena nel 1738 e noto per la passione per le belle donne. Alla sua morte la Lorena fu annessa alla Francia.

Lascia un commento