Moro sarasì (il)

104 Canzoni 16
1. Bel galante si marida tan lontan fòra ‘d pais,
s’a l’ha pià na sposa giovo che si seva gnanch vestì.
2. Bel galant l’é andà a la guèra, për set agn na torna pì
e la pòvera Fiorensa l’é restà sensa marì.
3. – O la mama dla mè mama, ‘v racomand la mia mojé.
S’i torn nen da sì a set ani voi tornela a maridé. –
4. A la fin de li set ani bel galant s’a l’é rivà.
– O la mama dla mè mama, Fiorensa dova l’é ‘ndà? –
5. Soa mama da la finestra: – Fiorensa a-i é pa pì.
Fiorensa l’é stàita robeja, l’é dal Mòro Sarasì. –
6. – O campemi giù la speja, cola dal pomel an d’òr.
Veuj andé trové Fiorensa ch’i dovèiss murì s’ na stra. –
7. Quand l’é stàit metà la strada pòch lontan da sò castel,
l’ha vëddù tre lavandere ch’a lavavo sò fardel.
8. – Mi vi dig, tre lavandere, di chi l’é col bel castel?
Col castel, coma ‘s domanda? – L’é dël Mòro Sarasì.–
9. O tòn tòn, pica la pòrta: – O Fiorensa, vnì durvì,
o venì durvì, Fiorensa, ch’a-i é ‘d gent dël vòst pais. –
10. – O com é ch’a podrà d’essi sì dla gent dël mè pais
ch’a-i é gnanch le rondanin-e ch’ l’han ël vòl così gentil? –
11. – Fé limòsna, ‘n pò ‘d limòsna a sto póver piligrin. –
An fasendje la limòsna a-j j’ha vist sò anel al dil.
12. – O monté, monté, voi bela, o monté sël caval gris –
– Steme alegre, mie creade, mi ‘m na torno a mè pais. –
13. Quand son stàit a metà strada, scontro ‘l Mòro Sarasì.
O s’a l’han bassà la testa, ognidun fà ‘l sò camin.

Traduzione
Bel galante si sposa lontano dal suo paese, si è preso una moglie giovane che non sa neppure vestirsi. – O madre vi raccomando la mia sposa, se non torno entro sette anni, fatela risposare. – Bel galante è andato in guerra, per sette anni non torna più, e la povera Fiorenza è rimasta senza marito. Alla fine dei sette anni bel galante è arrivato: – O madre, Fiorenza dov’è andata? – La madre dalla finestra: – Fiorenza non c’è più, è stata rapita dal Moro Saracino. – Gettatemi la spada, quella col pomello d’oro; voglio ritrovare Fiorenza, dovessi morire per strada. – Quando è stato a metà strada, poco lontano dal suo castello, ha visto tre lavandaie che lavavano il loro fardello: – Io vi dico, tre lavandaie, di chi è quel bel castello? – Quel castello, c’è da chiederlo? è del Moro Saracino. – Ton, ton, batte alla porta: – O Fiorenza, venite ad aprire ché c’è gente del vostro paese. – Come potrebbe esserci gente del mio paese, se non ci sono neppure le rondinelle dal volo così gentile? – Fate l’elemosina, un po’ d’elemosina a questo povero pellegrino. – Facendogli l’elemosina ha visto il suo anello al dito. – O montate, voi bella, sul cavallo grigio. – Statemi allegre, mie damigelle, me ne torno al mio paese. – Quando sono stati a metà strada, incontrano il Moro Saracino. Hanno abbassato la testa e ognuno per il suo cammino.

Nigra, in Piemonte, ne raccolse sette lezioni (Nigra 40). Altre versioni sono attestate da Ferraro, Leydi e Vigliermo.

Lascia un commento