Pinota (o)

36 Canzoni n. 22 (titolo originale Convegno notturno).

O Pinota 

«O Pinota, bela Pinota,
namuràme mi sun di vui.
E la licensa che mi vuria,
l’è na noiteja dürmì cun vui.»

«La licenza l’è bele dáita,
pöli vnì quand che vui volì.
Vnì staséira sü le des ure
che pare e mare sun andürmì.»

Le des ure na bato e suno,
gentil galant a l’è rivà lì.
Cun ün pè l’a picà la porta:
«Pinota bela, venì dürvì.»

«Sun dëscaussa e an camisola,
për stanöit mi pöss’pa venì,
Me papà s’a l’è’ndáit di fora
e la mia mama na dörm cun mi.»

Custa sì la vöi cuntela,
vöi cuntela al me pais.
Che na fieta di quindes ani
s’a l’a menàme për i barbis!

Traduzione
«O Pinota, bella Pinota,
innamorato mi sono di voi.
E la licenza che io vorrei,
è dormire una notte con voi.»

«La licenza è subito data,
potete venire quando voi volete.
Venite questa sera intorno alle ore dieci
che padre e madre sono addormentati.»

Le ore dieci battono e suonano,
gentile galante è arrivato lì.
Con un piede ha picchiato la porta:
«Pinota bella, venite ad aprire.»

«Sono scalza e in camiciola,
per questa notte non posso venire,
Mio papà è andato fuori
e la mia mamma sta dormendo con me.»

Questa qui voglio raccontarla,
voglio raccontarla al mio paese.
Che una ragazza di quindici anni
mi ha preso per i baffi! [prendere in giro]

Lascia un commento