Ragazza dannata (la)

Nigra, 151

Al lung di cul rivun j’è d’üna sula fia.
A i passa Lücifer, a l’à portà-la via.
I parent prego ‘l Signur, la Vergine Maria,
Ch’a i féisso ‘n po’ vedè na volta la soa fia.
Cul gran Dio dël ciel, padrun d’la providensa,
A i la fazia vedè s’la rama de l’üliva.
Le fiame de l’infern la brüzo bel e viva.
– Përchè che ti t’è lì, o fia dla mia fia?
– L’è për ün sol pecà ch’i m’n’a sun pa pentia.
Le fiame de l’infern mi brüzo bel e viva.
– Faruma dì dël ben, ancora de le mësse,
Ch’i t’vade an paradis a gode tante blësse.
– Maman dla mia maman, mi vëdrò pi ste blësse.
Stè pa a fè dì dël ben e gnianca de le mësse.
Cum’ pi che pregherei, cum’ pi na son pünia
Le fiame de l’infern mi brüzo bel e viva.

Traduzione di Costantino Nigra
Al lungo di quella ripa c’è una ragazza sola. / Ci passa Lucifero, la portò via. / I parenti pregano il Signore, la Vergina Maria, / che facessero un po’ loro vedere una volta la loro figliuola. / Quel gran Dio del cielo, padrone della provvidenza, / la faceva loro vedere sul ramo dell’ulivo. / Le fiamme dell’inferno la bruciano bell’e viva. / – Perché sei tu lì, o figlia, mia figlia? / – Gli è per un solo peccato che non me ne sono pentita. / Le fiamme dell’inferno mi bruciano bell’e viva. / – Faremo dir del bene, e anche delle messe, / affinché tu vada in paradiso a godere tante bellezze. / – Madre, mia madre, io non vedrò più queste bellezze. / Non state a far dire del bene e neanche delle messe. / Quanto più pregherete, tanto più son punita. / Le fiamme dell’inferno mi bruciano bell’e viva.

Lascia un commento