Son maridame ier

104 Canzoni 12
1. Son maridame ier e ancheuj son già pentìa.
Fussa da maridé mai pì im maridrìa.

2. Quand j’era da maridé, portava scarpe ròsse.
E adess ch’i son marià, mi i-j pòrto tute ròte.

3. Quand j’era da maridé mangiava al ciàir ‘d la lun-a.
E adess ch’i son marià mangio co’ ‘l pé a la cun-a.

4. Eviva la libertà e chi savrà tegnila.
Chi la sà pa tegnì, la neuit e ‘l di sospira.

Traduzione
Mi sono maritata ieri e oggi son già pentita. Fossi da maritare mai più mi sposerei. Quand’ero da sposare portavo scarpe rosse; adesso che son sposata le porto tutte rotte. Quand’ero da sposare, mangiavo al chiar di luna; adesso che son sposata mangio col piede alla culla. Viva la libertà e chi saprà conservarla. Chi non la sa conservare, notte e giorno sospira.

La canzone delle lagnanze della donna maritata è documentata nell’Ottocento in varie zone dell’Italia settentrionale. In Nigra e in Sinigaglia è nota come L’uccellino del bosco (Nigra 95, 36 Canzoni 19).

Lascia un commento