Zolì cheur

104 Canzoni 93
1 – Dime ‘n pò, bel galant, bel giovo, dova sevi ‘ncaminà –
– Caminato vers la Fransa dova j’é la mia speransa,
dova j’é me zolì cheur (bis). –
2. Bel galant quand l’é stàit an Fransa na va an piassa a spassigé.
A si scontra ‘nt na Fransèisa ch’a parlava a la piemontèisa:
– Bel galant, basemi bien (bis)! –
3. A l’ha piala për soe man bianche, an gropeta s’a l’ha tiré.
A l’ha mnala an sle colin-e dova j’é l’erbëtte fin-e,
doi, tre vòlte s’a l’ha basé (bis).
4. – E adess che m’avèj basami, bel galant, mi sposerai. –
– S’a l’é lòn che mi pensava, s’a l’é lòn ch’i desiderava,
di sposé mè zolì cheur (bis)!

Traduzione
Ditemi un po’, bel galante, bel giovane, dove siete incamminato? – Sono incamminato verso la Francia dove c’è la mia speranza, il mio dolce cuore. – Quando è stato in Francia, bel galante va a passeggio in piazza. Incontra una Fran­ce­se che parlava alla piemontese: – Bel galante, baciatemi! – L’ha presa per le sue mani bianche, in groppa l’ha tirata. L’ha portata sulle colline dove l’erbetta è fine; due tre volte l’ha baciata. – Adesso che m’avete baciata, bel galante, mi sposerete. – È appunto quello che pensavo, che desideravo, sposare il mio dolce cuore! –

Una delle più note canzoni popolari raccolte da Sinigaglia e non presente in Nigra. Non se ne conosce l’origine.

Lascia un commento